Contattaci da Lunedì al Venerdì dalle ore 09:00 - 12.00 / 15:00 - 19.30

Novità codice della strada, ecco cosa cambia dal 10 Novembre

Indice

A partire da oggi, 10 Novembre 2021, entreranno in vigore numerose novità al Codice della Strada, presenti all’interno del decreto Infrastrutture e Trasporti (D.L. n. 121 del 10/09/21) e nella relativa legge di conversione n. 156 del 9/11/21.

Vediamo nel dettaglio quali sono le principali novità introdotte nel codice della strada oggi.



Foglio rosa e neopatentati

Importanti le novità introdotte per quanto riguarda la normativa sul foglio rosa e sui neopatentati:

  • Il foglio rosa avrà validità di un anno (oggi scade dopo 6 mesi)  e l’esame di guida potrà essere ripetuto 2 volte per un totale di 3 possibilità, mentre fino ad ora dopo la seconda bocciatura, pur mantenendo valido l’esame di teoria era necessario ripresentare la domanda pagando ovviamente tutte le spese. Attenzione la norma non è retroattiva, quindi  questo vale solo per chi sostiene l’esame di teoria a partire da oggi.
  • Altra importante novità per il foglio rosa per le patenti di categoria A1, A2 e A è l’eliminazione del comma che imponeva al candidato motociclista di esercitarsi nei famigerati luoghi poco frequentati.
  • Neopatentati: Un’importante novità introdotta nel codice della strada riguarda l’Art. 117 del C.d.S.  sulle limitazioni di potenza per i neopatentati: non si applicheranno più se a fianco del conducente si trova, in funzione di istruttore, una persona di età non superiore a sessantacinque anni, munita di patente valida per la stessa categoria, conseguita da almeno dieci anni, oppure valida per la categoria superiore.

Documenti a bordo

In caso di dimenticanza di uno dei documenti obbligatori a bordo, ossia patente, documento unico o carta di circolazione e certificato d’assicurazione, non occorrerà più presentarsi in un ufficio di polizia per esibire i documenti mancanti a patto che gli agenti possano verificare la validità di tali documenti tramite la banca dati della motorizzazione o di altri analoghi uffici pubblici naturalmente la sanzione amministrativa non è stata soppressa

Uso di dispositivi elettronici alla guida

All’uso del cellulare durante la guida, si aggiungono ora tutti gli altri dispositivi elettronici quali tablet, computer portatili, notebook e “dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante“. La multa per i trasgressori resta da 165 euro a 660 euro.

Parcheggi riservati, “rosa” e per persone diversamente abili

Tra le novità al Codice Della Strada troviamo anche alcune importanti novità per quanto riguarda le aree di sosta:

  • Vengono introdotti i “parcheggi rosa” per donne in gravidanza o genitori con figli fino a due anni di età muniti di permesso rosa rilasciato dai Comuni. La sosta in questi stalli senza la necessaria autorizzazione comporta una sanzione che va da 165 a 660 euro (da 80 a 328 per veicoli a due ruote).
  • Raddoppio delle sanzioni per chi parcheggia nei posti riservati ai disabili senza averne diritto , da 168 a 672 euro (e da 80 a 328 euro per i ciclomotori e veicoli a due ruote), 6 i punti decurtati dalla patente anziché 2 come ora
  • Dal primo Gennaio prossimo per i veicoli al servizio delle persone diversamente abili sarà gratuita la sosta nelle zone a pagamento (strisce blu) quando non sono presenti (o sono già occupati) gli spazi a loro riservati.
  • Negli spazi di ricarica dei veicoli elettrici diventa vietata la sosta da parte di altri veicoli elettrici che non stanno effettuando una ricarica e per quelli che permangono oltre 1 ora dopo aver effettuato la ricarica (divieto valido dalle ore 7 alle ore 23, ad eccezione delle ricariche veloci).
  • Aumento delle sanzioni anche per chi sosta nelle aree pedonali, da 87 a 344 euro e da 41 a 168 euro per i veicoli a due ruote.

Utilizzo del casco su moto e ciclomotori

Introdotta da oggi anche la responsabilità del conducente se il passeggero non indossa il casco, indipendentemente dall’età.
Fino ad ora il conducente era sanzionabile solo se il passeggero era minorenne.

Monopattini elettrici

Corpose le novità del codice della strada che riguardano i monopattini a propulsione elettrica:

  • I monopattini elettrici possono essere condotti solo da utilizzatori che abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età.
  • I conducenti di età inferiore a diciotto anni hanno l’obbligo di indossare un idoneo casco protettivo conforme alle norme tecniche armonizzate UNI EN 1078 (Caschi per ciclisti e per utilizzatori di tavole a rotelle (skateboards) e pattini a rotelle) o UNI EN 1080 (Caschi di protezione contro gli urti per bambini).
  • Da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità e di giorno, qualora le condizioni di visibilità’ lo richiedano, sarà obbligatorio utilizzare il giubbotto o le bretelle riflettenti ad alta visibilità e per poter circolare i monopattini dovranno essere provvisti anteriormente di luce bianca o gialla fissa e posteriormente di luce rossa fissa, entrambe accese e ben funzionanti.
  • È vietata la circolazione dei monopattini elettrici sui marciapiedi. Sui marciapiedi possono essere condotti esclusivamente a mano. E’ anche vietato circolare contromano, salvo che nelle strade con doppio senso ciclabile.
  • Possono circolare esclusivamente su strade urbane con limite di velocità di 50 km/h, nelle aree pedonali con limite di velocità di 6 km/h, su percorsi pedonali e ciclabili, su corsie ciclabili, su strade a priorità ciclabile, su piste ciclabili in sede propria e su corsia riservata oppure dovunque sia consentita la circolazione dei velocipedi. In questi ultimi casi non possono superare il limite di 20 km/h.
  • È vietata la sosta sui marciapiedi a meno che siano appositamente segnalate le aree adibite alla sosta. Per prevenire la sosta selvaggia gli operatori di noleggio di monopattini devono prevedere l’obbligo di acquisizione della fotografia al termine di ogni noleggio, dalla quale si desuma chiaramente la posizione dello stesso nella pubblica via.
  • Obbligo di assicurazione, ma solo per i dispositivi adibiti a noleggio.
  • A decorrere dal 1° luglio 2022, i monopattini commercializzati in Italia devono essere dotati di indicatori luminosi di svolta e di freno su entrambe le ruote. Per i monopattini  già in circolazione prima di tale data, è obbligatorio adeguarsi entro il 1° gennaio 2024.
  • Prevista la confisca del veicolo nei casi in cui il monopattino non rispetti le caratteristiche tecnico-costruttive o venga manomesso.



Patente e Bonus Patente

  • Viene introdotto con il decreto un bonus fino a 1000 euro per i giovani sotto i 35 anni, percettori del reddito cittadinanza o di ammortizzatori sociali, per il conseguimento della patente merci e l’abilitazione alla guida professionale (CQC). Il rimborso non dovrà comunque superare il 50% delle spese sostenute dall’allievo.
    La richiesta potrà esser fatta entro 3 mesi se si ottiene un contratto di lavoro come conducente per un periodo di almeno 6 mesi.
  • Le comunicazioni relative alla perdita di punti saranno effettuate esclusivamente tramite il Portale dell’Automobilista, non più tramite lettera della Motorizzazione. Il Portale dell’Automobilista invierà all’interessato (dopo essersi registrato) una mail e quest’ultimo potrà poi scaricare la relativa attestazione, in formato PDF, contenente i dettagli riguardo il saldo del proprio punteggio e dell’ultima decurtazione.

Pubblicità discriminatorie o sessiste

Attenzione ai cartelloni e ai veicoli pubblicitari, secondo il codice della strada è vietata infatti ogni forma di pubblicità il cui contenuto proponga messaggi sessisti o violenti o stereotipi di genere offensivi o messaggi lesivi del rispetto delle libertà individuali, dei diritti civili e politici, del credo religioso o dell’appartenenza etnica oppure discriminatori con riferimento all’orientamento sessuale, all’identità di genere o alle abilità fisiche e psichiche.

Proventi delle contravvenzioni al codice della strada

Gli enti locali avranno l’obbligo di pubblicare annualmente sui loro canali istituzionali un prospetto che evidenzi come verranno utilizzati i fondi derivati dalle contravvenzioni.

Pedoni e passaggi a livello

  • La riforma al Codice della Strada prevede un nuovo obbligo: si dovrà d’ora in poi arrestare il veicolo anche ai pedoni in procinto di attraversare la strada, non solo a quelli che già hanno cominciato l’attraversamento.
  • Il mancato rispetto delle norme sui passaggi a livello potrà essere effettuato anche con dispositivi di accertamento automatico.
Condividi:
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email