Contattaci da Lunedì al Venerdì dalle ore 09:00 - 12.00 / 15:00 - 19.30

Semafori a tempo: in arrivo i dispositivi di countdown

Indice

È stato firmato dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, un nuovo Decreto che prevede l’introduzione di semafori a tempo con dispositivi di countdown (conto alla rovescia) entro due anni.


Semafori con conto alla rovescia: a cosa servono?

semafori-a-tempo-semafori-con-countdownI semafori con countdown sono finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci per le tre fasi semaforiche (rosso, giallo e verde), attraverso l’indicazione in una specifica lanterna dei secondi di attivazione rimanenti ad una determinata fase prima che si attivi la successiva.

L’obiettivo del Decreto è di rafforzare la sicurezza stradale in particolar modo per le persone più a rischio tra cui pedoni e ciclisti.

La funzione di indicazione del tempo residuo, secondo quanto scritto sul Decreto, servirebbe principalmente ad evitare che l’utente stradale sia indotto a non rispettare la fase di rosso in caso si protragga per lungo tempo, convinto che si tratti di un malfunzionamento del semaforo.
Inoltre tale indicazione fornirebbe al guidatore di un veicolo il tempo utile a sgombrare l’area di intersezione in caso in cui quest’ultimo non potesse arrestare la marcia in sicurezza. Ciò significa che l’utente è sollecitato ad accelerare solamente nel caso in cui sia prossimo alla striscia d’arresto nel momento in cui scatta il giallo.

 

LEGGI ANCHEUna norma sul monopattino elettrico non è liberticida: è necessaria!

 

Semafori a tempo: come funzionerà il countdown?

Secondo il Decreto, i dispositivi di conto alla rovescia potrebbero non essere necessariamente abbinati alle lanterne semaforiche veicolari di luce verde, gialla e rossa. Si evince infatti che, per questioni di difficile leggibilità da parte dei guidatori durante la marcia e per motivi di sicurezza legati alla riduzione dei tempi di reazione allo scattare del verde, l’installazione dei dispositivi di countdown è prevista con le lanterne pedonali e ciclabili di luce gialla e solamente in alcuni casi con le lanterne veicolari normali di luce rossa o gialla. Al momento non ne è prevista l’installazione in abbinamento alle luci verdi.

Semafori-a-tempo-semafori-con-countdown

Saranno previsti obbligatoriamente semafori con conto alla rovescia nel caso di attraversamenti pedonali semaforizzati che richiedono un tempo di almeno 20 secondi per l’attraversamento completo e di attraversamenti ciclabili, anch’essi semaforizzati, che richiedono almeno 10 secondi di tempo per il completo attraversamento.

 

semafori-con-conto-alla-rovescia-semafori-a-tempo

L’obbligo di dispositivo di countdown abbinato a lanterne veicolari normali di luce rossa è previsto per ora solo nei casi di:

  • sensi unici alternati (anche temporanei) che abbiano una fase di rosso superiore a 120 secondi, oppure in cui la fase semaforica verde sia attivata all’arrivo del veicolo e la fase di rosso residuo, dal momento dell’attivazione, sia superiore a 90 secondi;
  • intersezioni semaforizzate tra strade con flussi veicolari disomogenei senza attraversamenti pedonali o ciclabili: in questo caso particolare i dispositivi verrebbero installati sui rami di flusso minore aventi una fase di verde inferiore a 1/3 quella degli altri rami e una relativa fase di rosso superiore a 120 secondi, oppure aventi una fase di verde attuata all’arrivo del veicolo e quella di rosso residuo superiore a 90 secondi.

 

L’obbligo di dispositivo di countdown abbinato a lanterne veicolari normali di luce gialla, invece, è previsto per intersezioni in ambito urbano in cui vi siano sistemi di rilevamento delle infrazioni di passaggio con il rosso laddove la durata del giallo sia minore di 5 secondi.

 

Cosa cambierà con il conto alla rovescia?

semafori-con-countdown-semafori-a-tempoImpossibile affermare se questi cambiamenti saranno funzionali, tuttavia, a parer nostro, sarebbe stato molto più utile il conto alla rovescia applicato a tutti i tipi di semaforo e fasi semaforiche.

In primo luogo ciò permetterebbe una migliore gestione delle tecniche di guida ecologica (ad esempio start and stop o veleggiamento). Inoltre renderebbe più fluida la circolazione riducendo i tempi di attesa per ripartire quando scatta il verde.

Infine per una questione di maggiore sicurezza, poiché si potrebbe arrestare il veicolo per tempo e non ci sarebbero più scuse per i conducenti che passano con il giallo creando una situazione di intralcio e pericolo per gli altri utenti della strada (vi ricordiamo che passare con il giallo è un’infrazione per cui è prevista la decurtazione di 6 punti, o 12 per neopatentati, oltre a 167€ di sanzione amministrativa che diventano 222 se l’infrazione è commessa è commessa nelle ore notturne).

E voi cosa ne pensate? Sarà veramente utile questa modifica? Scrivetecelo nei commenti!

 

POTREBBE INTERESSARTI: Addio all’esame della patente A: ecco cosa cambia



Condividi:
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.